l@s zapatistas no están sol@s.

Infos

Esta es la nueva pagina de europa Zapatista : Contiene noticias y artículos publicados en los sitios web y blogs de los diferentes colectivos europeos solidarios con l@s zapatist@s y con los de abajo y a la izquierda. Permitiendo así colectivizar e intercambiar la información desde nuestros rincones.

Estado de la pagina

Número de artículos:
10  15  20 

 

PRONUNCIAMIENTO POR LA SENTENCIA DE NUESTRO COMPAÑERO LUIS FERNANDO SOTELO ZAMBRANO

Libertad SOTELOCiudad de México 20 de septiembre de 2016, día donde de nuevo la “injusticia” del poder cae sobre uno de nuestros compañeros secuestrados por el estado.
LEER MÁS


Fotos de los actos en BIlbao AYOZINAPA GOGOAN

6897

 

Un año mas en Bilbao los colectivos y las personas de la plataforma AYOTZINAPAREKIN denunciamos la desaparicíon de los 43 de Ayotzinapa y las miles de personas desaparecidas y asesinadas por el gobierno mexicano,con dos solidarios actos, como fué la proyección del documental MIRAR MORIR y la CONCEN-TRACIÓN EN LA QUE participamos más de un centenar de personas.

VIVOS SE LOS LLEVARON  VIVOS LOS QUEREMOS

NO ESTAN SOL@S


Archivado en: Articulos, Denuncia, fotos)

JOURNÉE CONTRE LA VIOLENCE D’ÉTAT AU MEXIQUE : DEUX ANS APRÈS AYOTZINAPA, LA LUTTE CONTINUE !

tags : mexique, pl-fr, violence,


SAMEDI 1er OCTOBRE
A LA PAROLE ERRANTE DEMAIN
9, Rue François Debergue Metro Croix de Chavaux ligne 9

A partir de 14h 30 :

JOURNÉE CONTRE LA VIOLENCE D’ÉTAT AU MEXIQUE :DEUX ANS APRÈS AYOTZINAPA, LA LUTTE CONTINUE !


TOUTE LA JOURNÉE

Ouverture des portes dès 14h30
---------------------------------------------------------
DE PARIS À AYOTZINAPA, EN LUTTE CONTRE LA VIOLENCE D’ETAT

Le 26 septembre 2014, dans la ville d’Iguala (État de Guerrero, Mexique), une opération de répression policière et militaire est menée contre des étudiants de l’École normale rurale d’Ayotzinapa, avec un lourd bilan : 6 personnes tuées, de nombreux blessés dont un étudiant dans le coma, et 43 étudiants qui demeurent disparus. Loin d´être un cas isolé, Ayotzinapa a permis de mettre en évidence l’ampleur effrayante d´un phénomène longtemps passé sous le silence médiatique : la disparition forcée avec la complicité des autorités mexicaines se normalise en totale impunité. Face à cela au Mexique, les familles de disparus partent à la recherche des fosses clandestines et brisent la loi du silence.

La France, 2eme vendeuse d’armes au monde, n’est pas absente non plus sur place, où elle forme la gendarmerie mexicaine et promeut la vente d’armes et de matériel de surveillance. Dans un contexte désormais général, ici et
là-bas, de forte répression des mouvements sociaux et de militarisation des forces de police, comment dénoncer et s’organiser face aux violences étatiques ? Cette journée est l’occasion pour s’informer, réfléchir, et s’unir dans une même lutte contre la violence policière et les crimes d’État.

... avec la participation de Xitlali Miranda du Groupe de Recherche de Fosses Clandestines, « Los Otros Desaparecidos de Iguala » (État de Guerrero, Mexique), compagnies de théâtre L.E.A.- il Palinsesto, CSPCL
(Comité de solidarité avec les peuples du Chiapas en lutte), Collectif Paris-Ayotzinapa, Collectif 8 juillet (Montreuil),
Urgence-notre-police-assassine, La Parole errante demain, et bien d’autres.

Les fonds récoltés seront réservés au comité des parents des étudiants d’Ayotzinapa et à la Brigade Nationale de Recherche de Personnes Disparues (“Brigada Nacional de Búsqueda de Personas Desaparecidas”).

ENTREE PRIX LIBRE - Bar & restauration sur place

***AU PROGRAMME***----------------------------------------------------

14h30 - OUVERTURE DES PORTES et Son jarocho avec La Parole Errante demain

15h30 - PIECE DE THEATRE « 43-Cuarenta y tres » de Stefania Colombo/ compagnies L.E.A.- il Palinsesto,

17h - DISCUSSION « Ayotzinapa 2 ans après. Et les autres disparus au Mexique ? » avec Xitlali Miranda du « Grupo de Búsqueda de Fosas Clandestinas, Los Otros Desaparecidos de Iguala » (État de Guerrero, Mexique)

18h - DEBAT « D’Ayotzinapa à Paris, débat croisé autour des violences d’Etat » avec la participation de Xitlali Miranda, CSPCL (Comité de solidarité avec les peuples du Chiapas en lutte), Collectif Paris-Ayotzinapa, Collectif 8 juillet, Urgence-notre-police-assassine,entre autres.

20h - CANTINE SOLIDAIRE MEXICAINE

21h - SOIREE MUSIQUE LATINE avec

Cascabel Sonfactory (son jarocho)
Chingason (cumbia)
DJ Mono & Taina (Electrocumbia, cumbia psicodelica, moombanton, samba & more...)


Plus d'infos sur la parole errante et la parole errante demain:
http://laparoledemain.jimdo.com/

43 nos hacen falta! Desde San Sebastian Bachajon!

tags : 43, pl-fr,
EN EJIDO SAN SEBASTIAN BACHAJON ADERENTES A LA SEXTA DECLARACION DE LA SELVA LACANDONA. CHIAPAS, MEXICO. A 26 DE SEPTIEMBRE 2016.

A la Comandancia General Comité Clandestino Revolucionario Indígena del Ejército Zapatista de Liberación Nacional
A las Juntas de Buen Gobierno
Al Congreso Nacional Indígena
A l@s compañer@s adherentes a la Sexta Declaración de la Selva Lacandona de México y el Mundo
A los medios de comunicación masivos e alternativos
A la Red contra la Represión y por la Solidaridad
Al Movimiento de Justicia por el Barrio de Nueva York
A los defensores de derechos humanos nacional e internacional
Al pueblo de México y el mundo
Jmololabex ants winiketik icha spatil a wotanik ta pisilik machatik nokol skoltabel te lum kinalik te yuun ta skuenta te nokol spojbel te chopol ajwalil.


Compañeros y compañeras en general tengan todos ustedes un buen día, reciban un cordial saludo de parte de los adherentes a la sexta declaración del ejido san Sebastián Bachajón.

El día de hoy se cumple dos años de la barbarie represión en iguala cometido por el estado mexicano al asesinar a tres personas y dejar a otros tres en estado de coma por la represión sufrida, mismo que tiene a 43 jóvenes estudiantes normalistas desaparecidos que hasta ahora no se ha dado justicia.

Estas cifras se suma a otros miles de asesinados y desparecidos a lo largo y ancho del país y así como a los cientos de presos políticos encarcelados por tener el compromiso en la defensa de los pueblos y de la vida, porque estamos hartos de que nos exploten nuestros recursos naturales, el mal gobierno mando a la cárcel nuestros compañeros por defender la madre tierra, por organizarse, eso fue el delito que cometieron, cuando lo único que queremos es de que se respeten nuestros derechos, nuestros recursos naturales.

Por el resultado implementada por el narco-estado mexicano en contra del pueblo para imponer los proyectos de saqueo y destrucción territorial de las grandes empresas trasnacionales privadas, han venido acompañados de la constitución ya que el mal gobierno con sus reformas privatizó lo que le corresponde a la sociedad, violando nuestros derechos como pueblo indígena, que quieren acabar con nuestra lucha para lograr sus fines.
Nos unimos al clamor nacional y mundial; abrimos nuestros corazones a la rabia y dolor de los padres y madres de nuestros compañeros jóvenes desaparecidos, nos manifestamos en contra del mal gobierno, vamos a seguir en la exigencia para la aparición con vida de los estudiantes desaparecidos de ayotzinapa. Les decimos que no están solos y solas, su lucha en la exigencia de justicia es nuestra.

Ya no más encarcelamientos injustos, Exigimos la liberación inmediata de nuestros compañeros presos injustamente Esteban Gómez Jiménez preso en Cintalapa de Figueroa, Chiapas (amate #14) Santiago Moreno Pérez y Emilio Jiménez Gómez, presos en playas de catazaja, Chiapas (ceress #17) que fueron encarcelados por tener el compromiso de luchar y defender la madre tierra y como también la libertad de otras presas y presos políticos de México y el Mundo.

Desde la zona norte del estado de Chiapas las mujeres y hombres de san Sebastián enviamos saludos combativos a todos los compañeros y compañeras, comunidades y pueblos de México y del mundo que están en resistencia.

Nunca más un México sin nosotros
Tierra y libertad
¡Zapata vive!
¡Hasta la victoria siempre!
Presos políticos ¡libertad!
¡Juan Vázquez guzmán vive, la lucha de Bachajón sigue!
¡Juan Carlos Gómez Silvano vive, la lucha de Bachajón sigue!
¡No al despojo de los territorios indígenas!
¡Fuera los policías estatales de nuestro territorio indígena!
¡Presentación inmediata a los compañeros desaparecidos y asesinados de la Normal Raúl Isidro Burgos de Ayotzinapa!

¡Viva la digna lucha de los compañeros y compañeras choles del ejido tila!
Viva la digna lucha de los compañeros y compañeras de San Francisco Xochicuautla!
¡Vivan los pueblos que luchan por su autonomía y libertad!
¡JUSTICIA PARA NUESTRO COMPAÑERO JUAN VAZQUEZ GUZMAN, AYOTZINAPA, ACTEAL, ABC, ATENCO!





















#Ayotzinapa due anni dopo: Comunicato dell'EZLN e del CNI

Sono passati due anni dall'agguato di Iguala contro gli sudenti di Ayotzinapa. Due anni in cui man mano diventava sempre più chiato l'inestricabile nesso tra poteri legali ed illegali in Messico. Un intreccio che non esita a seminare violenza nel paese, aggredendo chi resiste e lotta, per garantirsi i profitti del saccheggio del territorio e delle vite.
Un "Bollettino di guerra e di resistenza # 44" come lo definiscono nel comunicato che leggete di seguito il Congresso Nazionale Indigeno e l'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.

Per capire come opporsi a quel che accade in Messico ed ovunque c'è bisogno di una riflessione ampia e non scontata.
Per questo gli zapatisti dopo CompArte invitano a ConCiencias por la Humanidad e nel loro ultimo comunicato "Una casa, altri mondi" spiegano il perchè.
Il festival che ci sarà a dicembre con il mondo delle scienze .
Noi ci saremo per info: padova@yabasta.it


Parte de guerra y de resistencia # 44

Ai popoli del mondo

Ai mezzi di comunicazione alternativi, liberi, autonomi o come si chiamino

Alla Sexta Nazionale e Internazionale

Bollettino di guerra e di resistenza # 44

E gli altri 43? E i successivi?

Succede che questo paese non è più lo stesso da quando, due anni fa, il malgoverno commise uno dei suoi peggiori crimini facendo scomparire 43 giovani indigeni studenti della scuola normale rurale Raúl Isidro Burgos di Ayotzinapa, Guerrero. Questo accadimento ci fece rendere conto della profonda oscurità nella quale ci troviamo, e agitò il cuore e lo spirito incarnati ora dai familiari e compagni dei 43, e che brilla nel volto di milioni di persone in tutte le geografie del Messico e del mondo di sotto, e della società civile internazionale solidale e cosciente.

Come quartieri, tribù, nazioni e popoli originari, guardiamo e rendiamo parola il nostro sguardo, ora come allora, dal cuore collettivo che siamo.

Dalle geografie e calendari di sotto, dove si disegnano gli specchi di noi che siamo il Congresso Nazionale Indigeno nelle nostre resistenze, ribellioni e autonomie; dai confini e direzioni in cui siamo e comprendiamo il mondo noi popoli originari, ovvero le geografie antiche da dove non cessiamo di vedere, comprendere e resistere a quella stessa violenta guerra che i potenti implementano contro tutte e tutti, noi che soffriamo e resistiamo a partire da quel che siamo con un volto individuale o collettivo, guardiamo e rendiamo nostra parola il volto dei 43 assenti percorrendo ogni angolo di questo paese in cerca di verità e di giustizia, il volto che si disegna con altri milioni di volti e che ci mostra in mezzo alla notte le direzioni sacre, perché sacri sono il dolore e la speranza. Questo volto collettivo che si moltiplica e guarda le geografie di resistenza e ribellione.

Dalle geografie di sotto

La scomparsa dei 43 studenti di Ayotzinapa continua a essere impunita, e cercare la verità in mezzo alla putrefazione del potere è frugare nel peggio di questo paese, nel cinismo e nella perversione della classe politica, che non solo continua a simulare di cercare i compagni scomparsi, ma dinanzi alle crescenti evidenze che dimostrano la colpevolezza del narco-stato terrorista, premia chi è responsabile di mentire e di tentare di deformare ancora di più la verità -come il passaggio di posto di Tomás Zerón, responsabile di aver disseminato presunte prove della sua menzogna storica nella discarica di Cocula, alla Segreteria Tecnica del Consiglio Nazionale di Sicurezza- dando dimostrazione una volta di più della natura criminale del malgoverno.

Alla menzogna, la simulazione e l'impunità, il malgoverno somma gli investimenti in auto e le ingiustizie contro chi ha solidarizzato e manifestato in appoggio alla lotta dei familiari e compagni dei 43, come il giovane Luis Fernando Sotelo Zambrano, sempre solidale con le lotte dei popoli originari -come quelle di Cherán, della tribù Yaqui, degli indigeni incarcerati, delle comunità zapatiste-, che un giudice ha condannato a 33 anni e 5 mesi per sestuplo diritto di essere giovane, essere studente, essere povero, essere solidale, essere ribelle ed essere coerente.

Questo vediamo quando guardiamo verso chi sopra è Potere: per chi ammazza, copre e mente, premi e protezione; per chi s'indigna e protesta contro l'ingiustizia, botte e carcere.

  • -

E quando ci guardiamo:

Nel sud, la lotta dei popoli in difesa dei loro territori contro i cacicchi e le imprese, si dissolve nella lotta per la sicurezza e la giustizia contro le bande della delinquenza organizzata, la cui intima relazione con tutta la classe politica è l'unica certezza che, come popolo, abbiamo rispetto a qualsiasi organo dello stato.

La formazione di gruppi di scontro che agiscono contro le mobilitazioni permea i villaggi e il governo gioca a generare conflitti che incendino i tessuti interni. Vale a dire, cerca di creare rispecchiamenti della sua guerra seminando discordia nelle comunità e puntando sulla distruzione delle fibre più sensibili. Niente di più esplosivo e pericoloso per questa nazione.

Nell'occidente, le lotte per la terra, la sicurezza e la giustizia avvengono in mezzo all'amministrazione dei cartelli della droga, che lo stato camuffa da lotta alla delinquenza o da politiche di sviluppo. In cambio, i villaggi che hanno resistito e perfino abbattuto la delinquenza attraverso l'organizzazione dal basso, devono lottare contro i tentativi permanenti fatti dai malgoverni per ottenere che il crimine organizzato, e i partiti politici di sua preferenza, si impadroniscano nuovamente dei territori attraverso forme diverse.

L'organizzazione autonoma delle comunità, le loro lotte irrinunciabili per i luoghi sacri e le terre ancestrali non cessano. La difesa di nostra madre non si negozia. Siamo attenti alla lotta della comunità Wixárika de Wauta- San Sebastián Teponahuaxtlán per il recupero di circa diecimila ettari limitrofi all'abitato di Huajimic, Nayarit, dove, nonostante aver dimostrato il loro diritto nei tribunali agrari, le autorità giudiziarie sono state negligenti; e i malgoverni usano le false geografie officiali che dividono gli stati come pretesto per incentivare la spoliazione dei popoli originari. Al popolo Wixárika, nella sua ribellione e autonomia diciamo: siamo con voi.

Nel nord, dove persistono lotte per il riconoscimento dei territori, le minacce minerarie, le spoliazioni agrarie, il furto di risorse naturali e la sottomissione delle resistenze da parte di narco paramilitari, i popoli originari continuano a costruire giorno per giorno.

I popoli originari delle tribù del nord, dove la nazione Sioux tesse le sue proprie geografie che vanno oltre le false geografie officiali che li situano in un altro paese -ma per noi siamo tutti figli della stessa madre-, stanno resistendo all'invasione delle loro terre sacre, cimiteri e centri di preghiera per la costruzione di oleodotti da parte dell'impresa Energy Transfer Partners, che pretende di trasportare attraverso i loro territori il petrolio ottenuto mediante il fracking della regione Bakken, nel Nord Dakota, cosa che ha motivato la solidarietà e l'unione dei popoli originari del nord. A essi diciamo che la loro rabbia è la nostra e come Congresso Nazionale Indigeno alziamo e alzeremo la voce insieme a voi. La vostra degna lotta è anche nostra.

Nella penisola, i popoli maya resistono alla scomparsa per decreto, difendendo le loro terre dall'attacco di imprenditori turistici e immobiliari, dove la proliferazione di guardie bianche opera nell'impunità per depredare i villaggi, l'invasione dell'agroindustria transgenica minaccia l'esistenza dei popoli maya e l'immondizia dei magnati che si impadroniscono dei territori agrari, delle vestigia culturali, archeologiche e perfino dell'identità indigena, pretende di convertire un popolo tanto vivo quanto l'estensione della sua lingua, in feticci commerciali. I villaggi che lottano contro le alte tariffe della luce sono perseguitati e criminalizzati.

Nel centro, i progetti di infrastrutture, autostrade, gasdotti, acquedotti, lottizzazioni immobiliarie, si stanno imponendo in forma violenta e i diritti umani si notano di volta in volta sempre più soffusi e lontani nelle leggi imposte. La criminalizzazione, cooptazione e divisione disegna la strategia dei gruppi potenti, tutti vicini in maniera corrotta e oscena al criminale che crede di governare questo paese, Enrique Peña Nieto.

Nell'oriente del paese, la violenza, il fracking, le miniere, il traffico di migranti, la corruzione e la demenza governativa sono la corrente contro la lotta dei popoli, in mezzo a regioni intere prese da violenti gruppi delinquenziali orchestrati dagli alti livelli di governo.

Dal dialogo al tradimento

Come hanno fatto gli insegnanti in lotta, come popoli originari abbiamo cercato di dialogare con il malgoverno nelle nostre richieste urgenti di rispetto dei territori, di presentazione degli scomparsi, di liberazione dei prigionieri, di giustizia per gli assassinii, del fatto che la polizia o i militari escano dalle nostre terre o delle nostre esigenze di sicurezza e giustizia, ma il governo si sottrae sempre, fino a che arrestano i nostri portavoce in tutto il paese, l'esercito spara contro i bambini a Ostula, le macchine distruggono le case di chi resiste a Xochicuautla, i federali sparano contro il popolo degno che accompagna i maestri a Nochixtlán. I malgoverni fanno finta di dialogare e dissimulano nel corso di anni accordi con il popolo Wixárika per ottenere la restituzione pacifica del suo territorio, mentre configurano un riordino violento della regione.

E il governo chiacchiera come se non fosse accaduto nulla e offre la volontà di cedere, sempre che ambo le parti siano d'accordo. Il governo cede una parte di ciò che ha appena distrutto, libera un prigioniero, indennizza la famiglia dell'ucciso, finge di stare cercando gli scomparsi. E in cambio chiede ai popoli di cedere il loro patrimonio collettivo, che è la loro dignità, la loro organizzazione autonoma e il loro territorio.

In varie geografie del nostro paese stiamo ricorrendo alle consultazioni quando diciamo che non vogliamo le loro miniere, i loro campi eolici, i loro transgenici, le loro dighe, ed esigiamo che si chieda ai popoli, ma il malgoverno risponde sempre fingendo che “consulta come consultare se consulta o no la forma della consultazione” (o qualcosa del genere), cose piene di simulazione, soppiantamento della nostra parola, manipolazione e cooptazione della nostra gente, minacce e repressione. E così via fino a dire che ormai è fatta e ormai abbiamo detto di sì ai suo progetti di morte, oppure che siamo divisi e deve accontentare tutte le posizioni.

E mentre pretendono di tenerci quieti nella loro agenda piena di menzogne e le ONG “esperte” in “consultazioni” ingrossano le loro tasche, procedono più in fretta per concretizzare -ancor prima di iniziare la presunta consultazione- il furto dell'acqua del fiume yaqui, che le miniere e le loro devastazioni distruggano Wirikuta, che i campi eolici invadano tutto l'Istmo e che i transgenici si impongano nella Riviera Maya.

Le direzioni del mondo sono le nostre geografie e in esse ci incontriamo e riconosciamo, perché sappiamo che la lotta non è di oggi né per l'oggi, non lottiamo per il potere né per il folklore che offrono campagne menzognere, ma per tessere e ritessere ciò che siamo, fummo e saremo come popoli originari.

I volti dei 43 assenti e la tenacia dei loro familiari e compagni, sono gli altri 43 bollettini di guerra e resistenza. A esse e a essi si uniscono i dolori, le rabbie, le resistenze dei popoli originari e le ribellioni di milioni in tutto il Messico e il mondo.

E continuano i bollettini di guerra e resistenza dell'altro perseguitato e stigmatizzato, delle donne violentate, fatte scomparire o assassinate, dell'infanzia convertita in merce, della gioventù criminalizzata, del lavoro sfruttato, della ribellione perseguita, della natura imbrattata, dell'umanità addolorata.

Con tutta questa umanità, con questa terra che siamo, oggi reiteriamo che la verità e la giustizia sono una richiesta irrinunciabile e che il castigo per i colpevoli, per tutti i colpevoli, nascerà dalla lotta dal basso, dove, ora più che mai e come popoli originari del Congresso Nazionale Indigeno, sappiamo che non ci si può arrendere, né vendersi, né zoppicare.

Verità e giustizia per Ayotzinapa!

Libertà per Luis Fernando Sotelo Zambrano!

Libertà per tutte e tutti i prigionieri politici!

Per la ricostruzione integrale dei nostri popoli

Mai Più Un Messico Senza Di Noi

Congresso Nazionale Indigeno

Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

Messico, Settembre 2016

Traduzione a cura dell'Associazione Ya Basta! Milano
Da Enlace Zapatista

Dall'EZLN: Una casa, altri mondi.

Gli zapatisti, dopo il Seminario "Il Pensiero Critico contro l'Idra Capitalista" e CompArte invitano a ConCiencias por la Humanidad e nel comunicato che segue spiegano il perchè.

Il Festival sarà a dicembre: noi ci saremo per info: padova@yabasta.it

Luglio-agosto-settembre 2016
A chi di dovere:

Oggetto: Invito a “CompArte y ConCiencias por la Humanidad”.

Sì, lo sappiamo. Giorni e notti in cui l'amarezza sembra essere l'unico orizzonte. Passi trascinati per il dolore, la rabbia, l'indignazione; inciampando ogni tanto negli impertinenti sguardi del cinismo e della delusione; la stupidità intronizzata in ruoli di governo e sondaggi; la simulazione come forma di vita; la mitomania come tattica e strategia; la frivolezza come cultura, arte, scienza; il dosato disprezzo verso il diverso (“il male non è che esista l'altro, ma che si mostri”); la rassegnazione a prezzo di saldo nel mercato politico (“è così, resta solo da scegliere non più per il meno peggio, ma per il meno scandaloso”). Sì, difficile, sempre più difficile. Come se la notte si protraesse. Come se il giorno posticipasse il suo passo fino a che no, nessuno, niente, vuoto il cammino. Come se non ci fosse respiro. Il mostro che spia da ogni angolo, campi e strade.
E nonostante tutto questo, o esattamente per tutto questo, vi mandiamo questo invito.
Sì, sembra che non capiti a caso o cosa, ma noi, zapatiste, zapatisti, vi invitiamo a partecipare al festival CompArte y ConCiencias por la Humanidad”. Quindi, a rispetto delle formalità, dobbiamo inviarvi un invito. Qualcosa che indichi un calendario ed una geografia, perché voi avete una vostra propria strada, un vostro passo, una vostra compagnia, un vostro destino. E non è neppure il caso di aggiungere difficoltà a quelle che già dovete affrontare. Dunque, in un invito si dovrebbero indicare il dove e il quando.
Ma voi sapete bene come siamo. Quale è il nostro modo. Quindi, la domanda che, pensiamo, deve rispondere ad un invito, non è tanto il luogo e la data. Bensì il perché. Forse è per questo che questo invito non rispetta le formalità del caso e vi giunge in un momento inopportuno, o dopo o prima. Ma non importa, deciderete voi.
Per questo, questo invito è molto altro, e come parte essenziale contiene questa piccola storia:

UNA CASA, ALTRI MONDI.
Più che una storia, potrebbe essere una leggenda. Cioè, non c'è modo di confermare la veridicità di quanto qui narrato. In parte perché non si specificano né calendari né geografie, ovvero, sarebbe potuto essere in qualunque luogo ed in una volta indefiniti; ed anche perché il presunto non-protagonista di questa narrazione è morto, defunto, sepolto, andato. Se fosse vivo, basterebbe chiedergli se effettivamente disse quello che qui si dice avesse detto. Certo, è molto probabile che, esperto nel divagare, si sarebbe dilungato nella descrizione di quel calendario impreciso.
Dunque, non abbiamo la data precisa, ma per dovere di calendario vi diremo solo che saranno ormai all'incirca più di due decenni fa. La geografia? Le montagne del sudest messicano.
Ce lo raccontò il Comandante Tacho quell'alba che, dentro una baracca, si descriveva la casa del sistema, la casa del capitale, la tormenta, l'arca. La baracca dove nacque quello che poi sarebbe diventato il semenzaio. Pensiamo che ci fosse stata una pausa caffè…. o che si fosse sospesa la riunione per continuarla il giorno dopo… A dire il vero, non ricordiamo bene. Il fatto è che restammo a parlare con Tacho e lui ci raccontò quello che ora qui vi narriamo. Vero, c'è qualche ritocco perché abbiamo aggiunto e sistemato le parole originali di Tacho. Non per cattiveria, disprezzo o per voler rattoppare i ricordi rotti, ma perché entrambi, noi che ora vi scriviamo, conoscevamo meglio il defunto e possiamo così ricostruire le sue parole e sentimenti.

Avanti, dunque:
Parla il comandante Tacho:
“Non ricordo esattamente quando, ma fu quando il defunto Sup non era ancora defunto. Il Sup come sempre, non dormiva e fumava la sua pipa. Sì, mordicchiava la pipa, come faceva sempre. Eravamo nella baracca dell'allora comandancia, anche se non era ancora una baracca. Cioè, ancora non era montata del tutto. Cioè, non era ancora comandancia. Forse lo sarebbe stata, ma non lo era ancora. Ci raccontavamo storielle. Sì, succede nei villaggi, durante le riunioni, i lavori della lotta. Il Sup ascoltava soltanto, a volte rideva, a volte domandava per saperne di più. Prima di conoscerlo io non capivo. Più tardi compresi che quelle storie poi apparivano nei comunicati come racconti. “Poscritti”, li chiamava, credo. Io una volta gli chiesi perché inseriva come racconti quello che ci succedeva. E lui mi disse “il fatto è che non ci credono, pensano che io invento o immagino, allora lo metto come racconto perché non sono preparati a conoscere la realtà”.

Bene, dunque eravamo lì. Allora lui domandò al Sup …
Sí, Tacho usò il pronome della terza persona singolare: “lui”. Per capire gli chiedemmo se con “lui” si riferisse al Sup. Ci rispose infastidito: “no, lui lo chiese al Sup”. Non insistemmo perché supponemmo, forse erroneamente, che questo non fosse il nocciolo importante della storia, o che fosse solo il pezzo di un puzzle ancora da completare. Quindi il Comandante Tacho usò la parola “lui”. Non “lei”, né “io”, né “noi”. “lui” disse riferendosi a chi interrogava il Sup.

“Senti Sup, perché ogni volta che si fa una casa, chiedi se si fa secondo gli usi e costumi o secondo il metodo scientifico?”.
Qui Tacho si sentì in dovere di spiegare:
“Ogni volta che montavamo una baracca, il defunto SupMarcos arrivava e guardava le travi. E chiedeva sempre: “Quella traversa che stai mettendo lì, la metti perché la casa ne ha bisogno?” Allora io gli rispondevo: “Sì, perché se non si mette qui, il tetto cadrà”. “Ah bene”, diceva il Sup, “ma come sai che se non la metti lì, il tetto cade?”. Io restavo a guardarlo perché sapevo che il punto non era quello. Non era la prima volta che faceva domande. Allora lui proseguiva “Sì, la metti lì perché sai scientificamente che se non lo fai tutto cade, o la metti secondo gli usi e costumi?”. Io gli dicevo: “secondo gli usi e costumi, perché così mi hanno insegnato. Così faceva le case mio papà e lui ha imparato da mio nonno e così fino a molto lontano”. Il Sup non era soddisfatto e finiva sempre per salire sulla trave centrale quando ancora non erano stati inseriti i rinforzi e, dondolandosi come se fosse a cavallo, chiedeva “allora se io salgo qui, la trave cade?” E zac! Cadeva giù. E diceva soltanto “Ahia!” e steso a terra prendeva la sua pipa, l'accendeva e dal suolo guardava il tetto, con la testa appoggiata alla trave rotta a terra. Sì, certo che ridevamo tutti.
Allora è per questo che lui chiese al Sup del perché domandava sempre se per usi e costumi o per metodo scientifico. Perché non è successo sola una volta. Ogni volta che si cambiava il comando e mi toccava dirigere la costruzione della nuova baracca, succedeva così. Arrivava il Sup, domandava, gli rispondevo, non era soddisfatto, saliva sulla trave, si rompeva, e giù a terra.

(nota: parlandone tra noi, abbiamo concluso che il calendario approssimativo di quello che racconta Tacho è nei primi mesi del 1995 durante la persecuzione del governo contro di noi, quando il comando cambiava continuamente per accompagnare la comunità di Guadalupe Tepeyac nell'esilio. Fine della nota e continua a parlare Tacho):

Quindi è per farvi comprendere perché lui chiese questo al Sup. Altre volte l'avevo chiesto io, ma non rispondeva affatto. Non perché non volesse, ma perché in quel momento lo chiamavano sempre per radio o arrivava qualcuno. Anche io volevo sapere la risposta.
Il Sup si tolse la pipa di bocca e la mise da parte. Eravamo seduti a terra. Faceva molto caldo, come accade quando sta per arrivare la pioggia forte. Io capii che ritardava la risposta. Perché quando rispondeva subito, il Sup non si toglieva neppure la pipa di bocca. Cioè parlava come se mordesse le parole che uscivano masticate e bagnate.
Allora il Sup disse… o meglio, mi chiese:
“Senti Tacho, quanto misura questa baracca?”
“3 per 4”, risposi subito perché non era la prima volta che lo facevo.
“E se fosse 6 per 8, ci vorrebbero più traverse di rinforzo?”, mi chiese.
“Certamente”, gli risposi.
“E se fosse 12 per 16?”.
Non risposi subito, cosicché il Sup proseguì:
“E se fosse 24 per 32? E 48 per 64? E 96 per 128?”
Vi dico la verità, scoppiai a ridere.
“Questa casa è molto grande, non so”, gli dissi.
“Esatto”, disse, “si fanno le case secondo l'esperienza propria o ereditata. Usi e costumi, dunque. Quando si deve fare una casa più grande, si chiede o si prova”.
Ma, diciamo che non si è mai fatta una casa di 192 per 256…
Risi giusto prima che il Sup finisse la frase:
“… kilometri”.
“E chi mai vuole una casa così grande?”, gli dissi tra le risate.
Lui accese la pipa e disse: “Bene, più facile, e se la casa fosse delle dimensioni del mondo?”.
“No, è impossibile. Credo che non si possa nemmeno immaginare una casa così grande, e neppure il suo scopo”, gli dissi più serio.
Si può. Le arti possono immaginare questa casa, e metterla in parole, in suoni, in immagini, in figure. Le arti immaginano quello che sembra impossibile e, immaginandolo, seminano il dubbio, la curiosità, la sorpresa, l'ammirazione, cioè, lo rendono possibile.
“Ah, bene”, dissi, “ma una cosa è immaginare ed un'altra fare. Credo non si possa fare una casa così grande”.
“Si può”, disse lui e mise da parte la pipa rotta.
Perché le scienze sanno come fare. Benché non si sia mai fatta una casa del volume del mondo, le scienze possono dire, con certezza, come sarebbe una tale costruzione. Non so come si chiama, ma credo abbia a che vedere con resistenza dei materiali, geometria, matematica, fisica, geografia, biologia, chimica e non so quanto altro ancora. Ma, sebbene non si abbia un'esperienza precedente, cioè, senza usi e costumi, la scienza è in grado di dire quante travi, rinforzi e traverse sono necessari per fare una casa del volume del mondo. Con la conoscenza scientifica si può dire quanto profonde devono essere le fondamenta, quanto alte e lunghe le pareti, che angolo deve avere il tetto se spiovente o piatto, dove devono stare le finestre a seconda del freddo o del caldo, dove devono essere le porte e quante, di che materiale si deve fare ogni parte e quante travi e rinforzi ci devono essere e dove.
Stava già pensando il defunto alla trasgressione della legge di gravità e di tutte le linee rette ad essa concatenate? Immaginava o già conosceva la sovversione del quinto postulato di Euclide? No, Tacho non glielo chiese. E, a dire il vero, nemmeno noi due glielo avremmo chiesto. Sembra difficile che in quei giorni senza domani, con l'artiglieria aerea che agitava cielo e terra, ci fosse il tempo per pensare all'arte, e tanto meno alla scienza.
Tutti erano rimasti in silenzio, ricorda Tacho. Anche noi. Dopo un attimo di silenzio e tabacco, proseguì:
Il Sup riprese la sua pipa e vide con rammarico che il tabacco era terminato. Cercò nelle tasche. Sorrise tra sé e tirò fuori un sacchetto di plastica con un po' di fibre nere. Si attardò nell'accendere la pipa, credo a causa del tabacco umido. Poi proseguì:
Ma non mi preoccupa se le arti possono immaginare quella casa, i colori che la rivestirebbero, le sue forme, i suoi rumori, di giorno, la notte, con la pioggia, il vento, la terra.
Nemmeno mi preoccupa se la scienza può riuscire a renderla reale. Ma, può. Ha le conoscenze… o le avrà.
Ciò che mi preoccupa è che quella casa, che è un mondo, non sia come questa. Che la casa sia migliore, ancora più grande. Che sia così grande da contenere non uno, ma molti mondi, tutti quelli che già ci sono e quelli che ancora nasceranno.


Certo, bisognerà incontrarsi con chi pratica arti e scienze. Non sarà facile. In principio non vorranno, non per contrarietà, ma per sfiducia. Perché abbiamo molto contro. Perché siamo quello che siamo.

Gli artisti credono che li obbligheremmo ad un tema, forma e tempo; che nel loro orizzonte artistico dovranno esserci solo maschi e femmine (mai otroas), del potente proletariato che esibisce muscoli e sguardi luminosi in immagini, suoni, danze e figure; che neppure possano insinuare l'esistenza dell'altro; che se aderiscono, ci saranno inni e lodi, ma se non aderiscono, la reclusione fisica o il ripudio. Cioè, che ordineremmo loro di non immaginare.

Gli scienziati credono che chiederemmo loro di progettare armi meccaniche, elettroniche, chimiche, biologiche, interstellari, di distruzione di massa o individuale; che li obbligheremmo a formare scuole per superdotati mentali dove, ovviamente, ci saranno i discendenti dei comandanti con uno stipendio assicurato ancor prima di essere concepiti; che si riconoscerà la filiazione politica e non la capacità scientifica; che se aderiscono, lodi e inni; e se non aderiscono, il ripudio o la reclusione fisica. Cioè, che ordineremmo loro di non fare scienza.

Inoltre, siccome siamo popoli originari, Gli/le un@ e altr@ pensano che quella che fanno loro è arte e cultura, mentre quello che facciamo noi è artigianato e rito, che quella che per loro è analisi e conoscenza, per noi è credenza e superstizione. Ignorano che noi dipingiamo colori che centinaia di anni dopo sfidano ancora i calendari, che quando nella “civilizzazione” ancora credevano che la terra fosse il centro e l'ombelico dell'universo, noi avevamo già scoperto astri e numeri. Credono che amiamo l'ignoranza, che il nostro pensiero è semplice e conformista, che preferiamo credere invece di conoscere. Che noi non vogliamo il progresso, ma l'arretratezza.
Ovvero che, come si dice, né si guardano né ci guardano.

Il problema dunque è convincerli che si guardino come noi li guardiamo. Che si rendano conto che, per noi, sono quello che sono e qualcosa di più: una speranza.
E le speranze, amici e nemici, non si comprano, non si vendono, non si obbligano, non si rinchiudono, non si uccidono.
Rimase in silenzio. Io speravo di vedere se lui domandasse altro al Sup, ma siccome non disse niente, allora io gli chiesi: “Allora, noi che cosa dobbiamo fare?”. Il Sup sospirò e disse:
A noi tocca per prima cosa sapere che questa casa è possibile e necessaria. Poi, viene il facile: ci tocca costruirla. E per fare questo abbiamo bisogno del sapere, del sentire, dell'immaginazione, abbiamo bisogno delle scienze e delle arti. Abbiamo bisogno di altri cuori.
Arriverà già il giorno in cui ci incontreremo con chi fa le arti e le scienze. Quel giorno daremo loro un abbraccio e, come benvenuto, li riceveremo con una sola domanda: “E tu che fai?”.
Allora io feci come chi non si adegua e chiesi al Sup: “e dopo che ci siamo incontrati con questa gente, che cosa facciamo? Il Sup sorrise tra sé e disse:
Eccetera.

  • -

Qui termina la storia o la leggenda che il comandante Tacho ci raccontò in quell'alba.
E tutto questo viene al caso, o cosa, a seconda, perché vogliamo invitarvi a venire o, in qualche modo, ad essere presenti in questa terra che siamo.
E c'è che, come si dice, abbiamo questa curiosità che ci portiamo dietro da molti calendari, e pensiamo che forse accetterete l'invito e ci aiuterete a risolvere un dubbio:
Di cosa c'è bisogno per costruire una casa nuova, così grande che in essa ci stiano non uno ma tanti mondi?
È tutto, oppure no, questo dipende da voi.

Dalle montagne del Sudest Messicano.
A nome dei bambini, anziani, donne e uomini zapatisti.

Subcomandante Insurgente Moisés Subcomandante Insurgente Galeano
Messico, luglio-agosto-settembre 2016

Traduzione “Maribel” – Bergamo

Bollettino di guerra e resistenza #44.

Bollettino di guerra e di resistenza #44 Ai popoli del mondo. Ai mezzi di comunicazione alternativi, liberi, autonomi o come si chiamino. Alla Sexta Nazionale e Internazionale. Bollettino di guerra e di resistenza #44 E gli altri 43? E i successivi? Succede che questo paese non è più lo stesso da quando, due anni fa, […]

CNI and EZLN: War and Resistance Dispatch #44

 

.

CNI and EZLN: War and Resistance Dispatch #44

 

sam_3864-995x498

 

To the peoples of the world:

To the alternative, free, autonomous, or whatever-you-call-it media:

To the National and International Sixth:

War and Resistance Dispatch #44

And what about the other 43? And the ones that follow?

This country has not been the same since the bad government committed one of its most heinous crimes in disappearing 43 young indigenous students of the teaching college Raúl Isidro Burgos in Ayotzinapa, Guerrero, two years ago. This event forced us to acknowledge the profound darkness in which we find ourselves today, stirring our individual and collective hearts and spirit. The rage, pain, and hope embodied in the families and compañeros of the 43 illuminate that darkness and shine on the faces of millions of people of every geography below in Mexico and around the world, as well as among a conscientious international civil society in solidarity.

As originary barrios, tribes, nations, and peoples, we begin from the collective heart that we are and turn our gaze into words.

From the geographies and calendars below that reflect the resistances, rebellions, and autonomies of those of us who make up the National Indigenous Congress; from the places and paths from where we as originary peoples see and understand the world: from the ancient geographies within which we have never ceased to see, understand, and resist this same violent war that the powerful wage against all of us who suffer and resist with all of our individual or collective being: we use our gaze and our words to take as our own the faces of the 43 disappeared which travel through every corner of the country in search of truth and justice, faces that are reflected in millions of others and that show us, in the dark of night, the way of the sacred, because pain and hope are sacred. That collective face multiplies and focuses its gaze on the geographies of resistance and rebellion.

From the Geographies of Below

 

tambien-es-nuestra

 

The disappearance of the 43 students from Ayotzinapa lives on in impunity. To search for truth from within the putrefaction of power is to search within the worst of this country, in the cynicism and perversion of the political class. The political class not only continues to pretend to keep up the search for the disappeared compañeros, but, in the face of growing evidence pointing to the culpability of the terrorist narco-state, it actually rewards those in charge of lying and distorting the truth. This is what they did in moving Tomás Zerón [ex-head of the Attorney General’s Criminal Investigation Agency]—the person responsible for planting false evidence to back up his historical lie about the Cocula garbage dump[i]—to Technical Secretary of the National Security Council. It is one more confirmation of the criminal nature of the bad government.

On top of lies, deceit, and impunity, the bad government heaps abuses and injustices against those who have shown solidarity with and support for the struggle of the families and compañeros of the 43. This includes Luis Fernando Sotelo Sambrano, a young person who has always been supportive of originary peoples’ struggles, including that of Cherán, of the Yaqui Tribe, of indigenous prisoners, and of the Zapatista communities. He has been sentenced by a judge to 33 years and 5 months for the sextuple crime of being young, poor, a student, in solidarity, rebellious, and a person of integrity.

This is what we see from those in power above: those who murder are covered for by lies and rewarded with protection; those who protest injustice receive beatings and imprisonment.

_*_

When we look toward:

The south: the peoples’ struggle in defence of their territories against political bosses and large companies is dissolved by the struggle for security and justice against organized crime cartels whose intimate relationship with the entire political class is the only certainty that we as a people have about any state body.

The formation of shock troops that attack citizen protests have permeated towns and villages, and the government purposely generates conflicts that destroy the internal fabric of a community. That is, the government tries to create mirrors of its own war by sowing conflict in the communities and betting on the destruction of the most sensitive parts of the social fabric. There is nothing more dangerous and explosive for this nation than this practice.

The west: the struggles for land, security, and justice occur in the midst of administrative management for the drug cartels, disguised by the state as crime-fighting initiatives or development policies. On the other hand, the peoples who have resisted and even combatted criminal activity through organization from below have to struggle against constant attempts by the bad government to re-establish territorial control by organized crime cartels—and their respective preferred political parties.

The autonomous organization of the communities and their unwavering struggles for sacred sites and ancestral lands do not cease. The defence of our Mother Earth is not negotiable. We are watching the struggle of the Wixárika community of Wauta-San Sebastián Teponahuaxtlán for the recovery of almost ten thousand hectares bordering the town of Huajimic, Nayarit. There, despite the fact that the community has established their rights in agrarian courts, the judicial authorities have been remiss. The bad governments use the false official geographies that divide the states as a pretext to incentivize the displacement of indigenous peoples. To the Wixárika people, with regard to their rebellion and autonomy, we say: we are with you.

The north: where the struggles for recognition of territorial rights continue against threats by mining companies, agrarian displacement, the theft of natural resources, and the subjugation of resistance by narco-paramilitaries, the originary peoples continue to make and remake themselves every day.

 

14368917_1773522209603476_5883872730094741523_n

 

Among the originary peoples of the tribes of the north, the Sioux nation weaves its own geographies that go beyond the false official geographies that locate them in another country; for us, we are all children of the same mother. They are resisting the invasion of their sacred lands, cemeteries, and ceremonial sites by an oil pipeline under construction by the company Energy Transfer Partners. That company intends to transport oil obtained through fracking in the Bakken region in North Dakota through their territories. This struggle has generated solidarity and unity among the originary peoples of the north. To them we say that their rage is ours, and as the National Indigenous Congress, we raise our voice with them and will continue to do so. Their dignified struggle is also ours.

The peninsula: The Mayan peoples resist the attempt to disappear them by decree, defending their territories against attack by tourism and real estate interests. A proliferation of hired hitmen operate in impunity to displace the indigenous peoples. The agroindustry of genetically modified organisms threatens the existence of the Mayan peoples, and those magnates, with vile dishonesty, take over agrarian territories, cultural and archaeological sites, and even indigenous identity itself, trying to convert a vital people into a commercial fetish. The communities who struggle against the high electricity costs are persecuted and criminalized.

The centre [of the country]: Infrastructure projects including highways, gas pipelines, oil pipelines, and residential developments are being imposed through violent means and human rights are increasingly vague and removed in the law applied. Powerful groups use strategies of criminalization, co-optation, and division, all of them close—in corrupt and obscene ways—to that criminal who thinks he governs this country: Enrique Peña Nieto.

In the east of the country, violence, fracking, mining, migrant trafficking, corruption, and government madness are the currents that run against the struggle of the peoples, all playing out in the midst of entire regions taken over by violent criminal groups controlled from the highest levels of government.

From Dialogue to Betrayal

 

14232548_1109997595742586_7393416913850752698_n

 

Just as the teachers in struggle have done, we as originary peoples have sought dialogue with the bad government regarding our urgent demands for respect of our territories, the return of the disappeared, the freeing of prisoners, justice for those killed, the removal of the police or military from our lands, and our own security and justice, but the government has refused. Instead, it has arrested our spokespeople all over the country; the army has fired on children in Ostula; bulldozers have destroyed the homes of those who resist in Xochicuautla, and federal police have shot at the dignified community accompanying the teachers in Nochixtlán. The bad governments pretend to dialogue; they simulated interest in agreements with the Wixárika people for years in order to pacify the territory while they planned a violent reordering of the region.

Later the government talks like nothing has happened and offers its willingness to make concessions, as long as both parties come to an agreement. Then the government cedes one small part of what it has just destroyed, frees one prisoner, pays damages to the family of one murder victim, and pretends to look for the disappeared. In exchange it asks the originary peoples to cede their collective patrimony—their dignity, their autonomous organization, and their territory.

In various geographies across our country we are holding referendums where we say that we don’t want their mines, their oil pipelines, their GMOs, their dams, and we demand that they consult the people. But the bad government always responds by pretending “to consult as to how to consult on whether to or not to consult on the form of the consultation” (or something like that), what is really a calculated simulation, the erasure of our voice, the manipulation and co-optation of our people, as well as threats and repression. And so it goes until they say it’s done; they proclaim that we agreed to their death projects or that we were divided and they must thus attend to all points of view.

Meanwhile, as they try to keep us quiet with their deceitful consultation agenda and while the NGOs that are “experts” in “consultation” fatten their wallets, they race ahead to concretize—before the supposed consultation has even begun—the theft of the water from the Yaqui River, the destruction of Wirikuta through mining concessions, the construction of oil pipelines that invade the entire Isthmus, and the GMOs imposed in the Riviera Maya.

Our geographies are the paths of the world; this is where we will meet and recognize each other, because we know that the struggle is not just today nor is it just for today. We do not struggle for power or the folklore offered by deceitful campaigns, but rather to weave and reweave what we are, what we were, and what we will be as originary peoples.

 

12046706_10207838029648846_3498328011472001884_n

 

The face of the 43 missing and the tenacity of their families and compañeros are the other 43 dispatches on war and resistance. To them we add the pain, rage, and resistance of the originary peoples and the rebellions of millions all over Mexico and around the world.

On top of that we add the dispatches of war and resistance from the other who is persecuted and stigmatized, women who have been abused, disappeared, and murdered, children made into commodities, young people criminalized, nature disgraced, humanity in pain.

We reiterate today, alongside that humanity, along with this earth that we are, that truth and justice are an inalienable demand and that punishment for the culpable—all of those responsible—will be born from the struggle from below. Now more than ever, as originary peoples of the National Indigenous Congress, we know that in this struggle there is no room to give up, sell out, or give in.

Truth and Justice for Ayotzinapa!

Free Luis Fernando Sotelo Zambrano!

Free all of the political prisoners!

For the holistic reconstitution of our peoples.

Never Again a Mexico Without Us.

National Indigenous Congress

Zapatista Army for National Liberation

Mexico, September 2016

 

[i] The federal government first offered an explanation for the disappearance of the students from Ayotzinapa consisting of their murder and incineration at the garbage dump in Cocula, Guerrero. The explanation has been heavily criticized and largely disproven by forensic scientists and investigators.

 

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2016/09/22/parte-de-guerra-y-de-resistencia-44/.



.


1ER OCT : JOURNÉE CONTRE LA VIOLENCE D'ÉTAT AU MEXIQUE

tags : mexique, pl-fr, violence,

SAMEDI 1er OCTOBRE

A LA PAROLE ERRANTE DEMAIN

9, Rue François Debergue Metro Croix de Chavaux ligne 9

A partir de 14h 30 :

JOURNÉE CONTRE LA VIOLENCE D'ÉTAT AU MEXIQUE : DEUX ANS APRÈS AYOTZINAPA, LA LUTTE CONTINUE !

TOUTE LA JOURNÉE

Ouverture des portes dès 14h30

DE PARIS À AYOTZINAPA, EN LUTTE CONTRE LA VIOLENCE D'ETAT


Le 26 septembre 2014, dans la ville d'Iguala (État de Guerrero, Mexique), une opération de répression policière et militaire est menée contre des étudiants de l'École normale rurale d'Ayotzinapa, avec un lourd bilan : 6 personnes tuées, de nombreux blessés dont un étudiant dans le coma, et 43 étudiants qui demeurent disparus. Loin d´être un cas isolé, Ayotzinapa a permis de mettre en évidence l'ampleur effrayante d´un phénomène longtemps passé sous le silence médiatique : la disparition forcée avec la complicité des autorités mexicaines se normalise en totale impunité. Face à cela au Mexique, les familles de disparus partent à la recherche des fosses clandestines et brisent la loi du silence.

La France, 2eme vendeuse d'armes au monde, n'est pas absente non plus sur place, où elle forme la gendarmerie mexicaine et promeut la vente d'armes et de matériel de surveillance. Dans un contexte désormais général, ici et là-bas, de forte répression des mouvements sociaux et de militarisation des forces de police, comment dénoncer et s'organiser face aux violences étatiques ? Cette journée est l'occasion pour s'informer, réfléchir, et s'unir dans une même lutte contre la violence policière et les crimes d'État.

... avec la participation de Xitlali Miranda du Groupe de Recherche de Fosses Clandestines, « Los Otros Desaparecidos de Iguala » (État de Guerrero, Mexique), compagnies de théâtre L.E.A.- il Palinsesto, CSPCL (Comité de solidarité avec les peuples du Chiapas en lutte), Collectif Paris-Ayotzinapa, Collectif 8 juillet (Montreuil), Urgence-notre-police-assassine, La Parole errante demain, et bien d'autres.

Les fonds récoltés seront réservés au comité des parents des étudiants d'Ayotzinapa et à la Brigade Nationale de Recherche de Personnes Disparues (“Brigada Nacional de Búsqueda de Personas Desaparecidas”).

ENTREE PRIX LIBRE - Bar & restauration sur place

***AU PROGRAMME***

14h30 - OUVERTURE DES PORTES et Son jarocho avec La Parole Errante demain

15h30 - PIECE DE THEATRE « 43-Cuarenta y tres » de Stefania Colombo/ compagnies L.E.A.- il Palinsesto,

17h - DISCUSSION « Ayotzinapa 2 ans après. Et les autres disparus au Mexique ? » avec Xitlali Miranda du « Grupo de Búsqueda de Fosas Clandestinas, Los Otros Desaparecidos de Iguala » (État de Guerrero, Mexique)

18h - DEBAT « D'Ayotzinapa à Paris, débat croisé autour des violences d'Etat » avec la participation de Xitlali Miranda, CSPCL (Comité de solidarité avec les peuples du Chiapas en lutte), Collectif Paris-Ayotzinapa, Collectif 8 juillet, Urgence-notre-police-assassine, entre autres.

20h - CANTINE SOLIDAIRE MEXICAINE

21h - SOIREE MUSIQUE LATINE avec

Cascabel Sonfactory (son jarocho)

Chingason (cumbia)

DJ Mono & Taina (Electrocumbia, cumbia psicodelica, moombanton, samba & more...)

Plus d'infos sur :

Face book Paris-Ayotzinapa

La Parole errante demain

Ayotzinapa: the government rewards those responsible

 

.

Ayotzinapa: the government rewards those responsible

 

ezln-zapatistas-3-600x338EZLN support for the Ayotzinapa students. Photo: Saúl Kak

 

Ayotzinapa: The government rewards those responsible and those who lie and persecutes those who seek truth and justice

 

By: Isaín Mandujano

The Zapatista National Liberation Army (EZLN) and the National Indigenous Congress (CNI) announced today that two years after “the bad government committed one of its worst crimes” by disappearing 43 young indigenous students from the Raúl Isidro Burgos Rural Teachers College in Ayotzinapa, “it rewards those responsible for lying and trying to distort the truth even more, and it pursues and incarcerates those who seek truth and justice.”

In a joint comunicado, [1] the EZLN and the CNI recalled that this act only confirmed the profound darkness in which we find ourselves in the country, and it stirred the heart and the individual and collective spirit illuminating the night with rage, with pain and with the hope that the family members and compañeros of the 43 now embody, “and that shines in the face of millions of people in all the geographies of Mexico and of the world of below, and of international civil society in solidarity and aware.”

“The disappearance of the 43 Ayotzinapa students remains unpunished, and seeking the truth in the midst of the power’s decay is to delve into the worst of this country, into the cynicism and perversion of the political class, which not only continues pretending to look for the disappeared compañeros, but that before the growing evidence that shows the culpability of the terrorist narco-state, rewards those responsible for lying and trying to distort the truth even more ‒as is the change of Tomás Zerón, the one responsible for planting alleged proof of their historic lie in the Cocula garbage dump, to Technical Secretary of the National Security Council‒ giving one more account of the bad government’s criminal nature,” both organizations of an indigenous profile pointed out.

They add that to the lie, the simulation and the impunity, the bad government adds outrages and injustices against those who have been in solidarity and demonstrated in support of the struggle of the family member compañeros of the 43, like the youth Luis Fernando Sotelo Zambrano [2], always in solidarity with the struggles of the original peoples –like those in Cherán, the Yaqui tribe, the indigenous prisoners, the Zapatista communities-, who a judge has sentenced to 33 years and 5 months in prison for the sextuple crime of being young, being a student, being poor, being in solidarity, being rebellious and being consistent.

“We see that when we look at who above is the Power: at who murders, covers up and lies, rewards and protects; at who is indignant and protests against injustice, coups and prison,” they point out.

The EZLN and the CNI refer to the long struggles that exist in the south, the west, the north, the Peninsula, the Centre and the east of the country, where the struggle is against political bosses, against the dispossession of territory, against the big transnational mining companies, against shock troops, against the onslaught that threatens to extinguish the peoples of Mexico in resistance.

They explained that just like the teachers have done in their struggle, the original peoples  have sought dialogues and answers from the bad government to their urgent demands with respect to the territories, about the presentation of the disappeared, about the liberation of prisoners, about justice for the murders, about getting the police or the soldiers out of our lands or about our demands for security and justice.

But the government always denies that they even detain the spokespersons all over the country, the Army shoots at children in Ostula, machines destroy houses of those who resist in Xochicuautla, the federal police shoot at the dignified people that accompany the teachers in Nochixtlán. “The bad governments make like they dialogue and simulate for years agreements with the Wixárika [3] people to attain the peaceful restitution of their territory, while they configure a violent reordering of the region.”

And the government talks as if nothing had happened and offers a willingness to yield, always so that both parties agree. The government yields a part of what it just destroyed; it releases a prisoner, indemnifies the family of the one they murdered and feigns looking for the disappeared. And in exchange it asks the peoples to cede their collective patrimony, which is their dignity, their autonomous organization and their territory.

That in various geographies of the country they are resorting to consultations when they say no to their mines, their wind farms, their GMOs, their dams and demand that they must ask the peoples, “but the bad government always answers feigning that: “it consults how to consult, whether it consults or not and the form of the consultation” (or something like that), which is full of simulation, supplanting of our word, manipulation and cooptation of our people and of threats and repression.”

“The faces of the 43 absent and the tenacity of their families and compañeros, are the 43 other parties of war and resistance. To them are added the pains, the rages, the resistances of the original peoples and the rebelliousness of millions all over Mexico and the world,” the EZLN and the CNI said.

And for all that, the parties remain at war and the other’s resistance persecuted and stigmatized, women raped, disappeared and murdered, infancy converted into merchandise, youth criminalized, labour exploited, the rebel persecuted, nature dishonoured and humanity in pain.

“With all that humanity, with this land that we are, we reiterate today that truth and justice are an inalienable demand and that punishment of the guilty ones, all the guilty, will be born from the struggle from below, where, now more than ever and as original peoples of the National Indigenous Congress, we know that it’s not appropriate to surrender, sell out, or give in,” says the writing.

[1] The joint comunicado is entitled Parte de guerra y de Resistencia #44.

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2016/09/22/parte-de-guerra-y-de-resistencia-44/

[2] Luis Fernando Sotelo Zambrano – A young man that participated in the 3rd day of global action for Ayotzinapa. Police arrested him in the vicinity of a bus stop that was burned during the protest.

[3] Wixárika – Native Mexicans, also known as Huicholes.

————————————————————————-

Originally Published in Spanish by Chiapas Paralelo

Thursday, September 22, 2016

http://www.chiapasparalelo.com/noticias/chiapas/2016/09/ayotzinapa-el-gobierno-premia-a-los-responsables-y-los-que-mienten-y-persigue-a-los-que-buscan-la-verdad-y-la-justicia/

Re-Published with English interpretation by the Chiapas Support Committee

Posted by Dorset Chiapas Solidarity

.



.